Seleziona una pagina

Perchè alcune fratture di scafoide tardano a guarire o non guariscono?

DocFrancescoPoggioli

Tempo di lettura medio: 2 minuti

Perchè alcune fratture di scafoide tardano a guarire o non guariscono?

Scritto da: DocFrancescoPoggioli

Tempo di lettura medio: 2 minuti

L’osso scafoide carpale svolge un ruolo chiave nella biomeccanica del polso. Pertanto, anomalie patologiche dello scafoide, quali la frattura, possono avere gravi conseguenze. Le fratture dello scafoide rappresentano il 2-7% di tutte le fratture e si verificano prevalentemente in maschi giovani e attivi. Di tutte le ossa del carpo, l’82-89% riguarda le fratture dello scafoide e l’incidenza nei paesi occidentali è di circa cinque fratture ogni 10.000 abitanti. Tuttavia, sia la diagnosi che il trattamento delle fratture di scafoide rimangono una sfida ancora da chiarire completamente. Questo è dimostrato dal fatto che esistono più di 3000 articoli al riguardo sul principale motore di ricerca (PubMed). 

La risposta alla domanda principale sta nell’anatomia

La frattura di scafoide fu descritta per la prima volta nel 1905 da Destot, un chirurgo francese, anatomista e radiologo. La parola scafoide deriva dalla parola greca che sta per barca (skaphos). Per le sue caratteristiche anatomiche, può articolarsi con tutte e cinque le ossa circostanti (radio distale, os capitatum, os lunatum, os trapezium e os trapezoideum). L’80% delo scafoide è costituito da cartilagine, lasciando uno spazio limitato per l’ingresso del rifornimento
arterie. L’afflusso principale di sangue avviene per via retrograda rami dell’arteria radiale. Il ramo dorsale del l’arteria radiale fornisce il 75% del flusso sanguigno attraverso
il foramina. Il ramo palmare raggiunge lo scafoide tramite il tubercolo distale. Contrariamente al polo prossimale, il polo distale e il tubercolo hanno un indipendente vascolarizzazione. Il polo prossimale dipende dal sangue alimentazione dal polo distale attraverso l’osso scafoide (fig.1).
In caso di una frattura dello scafoide prossimale, l’afflusso di sangue attraverso l’osso scafoide viene interrotto, facendo in particolare il processo di guarigione del polo prossimale più difficile.

    1. Becker A, Held H, Redaelli M, Strauch K, Chenot JF, Leonhardt C, Keller S, Baum E, Pfingsten M, Hildebrandt J, Basler HD, Kochen MM, Donner-Banzhoff N (2011) Low back pain in primary care: costs of care and prediction of future health care utilization.
    Spine 35: 1714–20
    2. Bramble DM, Lieberman DE (2004) Endurance running and the
    evolution of Homo. Nature 432: 345–52
    3. Hestbaek L, Leboeuf-Yde C, Manniche C (2003) Low back pain:
    what is the long-term course? A review of studies of general  patient populations. Eur Spine J 12: 149–65
    4. Ihme N, Olszynska B, Lorani A, Weiss C, Kochs A (2002) Zusammenhang
    der vermehrten Innenrotation im Hüftgelenk mit einer verminderten Beckenaufrichtbarkeit, der Rückenform und Haltung bei Kindern – Gibt es das so genannte Antetorsionssyndrom?
    Z Orthop Ihre Grenzgeb 140: 423–7
    5. Leboeuf-Yde C, Kyvik K (1998) At what age does low back pain become a common problem? A study of 29,424 individuals aged 12–41 years. Spine 23: 228–34
    6. McMaster MJ (1983) Infantile idiopathic scoliosis: Can it be prevented?
    J Bone Joint Surg Am 65: 612–7
    7. Mohseni-Bandpei MA, Bagheri-Nesami M, Shayesteh-Azar M (2007) Nonspecific low back pain in 5000 Iranian school-age children. J Pediatr Orthop 27: 126–9
    8. Rossignol M, Rozenberg S, Leclerc A (2009) Epidemiology of low back pain: what’s new? Joint Bone Spine 76: 608–13

    Potrebbe interessarti anche: